L’autunno porta con sé giornate aranciate, foglie che si staccano e, purtroppo, l’abbassamento delle temperature.

Sono gli ultimi momenti che hai a disposizione (di quest’anno) per usufruire della piscina, goditeli a pieno perché a breve ti toccherà pensare alle operazioni di chiusura.

Te le ricordi?

Per una piscina sempre protetta, è fondamentale dotarsi di una buona copertura, perché gli agenti esterni non la contaminino e per non dover sprecare troppo tempo con la manutenzione a primavera.

Vediamo insieme tra quali tipologie scegliere.

Coperture tubolari

Le coperture tubolari sono la soluzione ideale per le piscine interrate.

Come sono fatte? Il materiale utilizzato per il telo è il polietilene assemblato a più strati, che assicura un’alta resistenza meccanica e impermeabilità: in questo modo si riducono le rotture e si tengono lontani gli agenti esterni, responsabili della proliferazione di alghe.

Si tratta di una copertura piuttosto robusta ma facile da posare al termine della stagione dei bagni e riporre quando non viene utilizzata.

Questo tipo di copertura ha dei tubolari perimetrali (da qui deriva il suo nome) che, una volta pieni d’acqua, hanno la funzione di fermo. Per poterle installare, è importante avere almeno 30 centimetri di bordo intorno alla piscina, in quanto la copertura ha bisogno di questo spazio per garantire un buon ancoraggio.

Coperture di sicurezza calpestabili

Se ti serve una protezione extra, la copertura calpestabile è quella che fa per te. Oltre a preservare l’impianto da tutto quello che abbiamo detto prima, questo tipo di copertura evita che adulti, bambini e animali si facciano male cadendo accidentalmente in vasca.

Come? Il PVC rinforzato con cui sono realizzate fa sì che, una volta installate, supportino il peso di diverse persone.

Ricapitoliamo

Con una buona copertura invernale:

  • la tua piscina è protetta dalla sporcizia e dagli agenti esterni;
  • eviti che raggi solari e intemperie usurino la struttura;
  • riduci al minimo la proliferazione di alghe;
  • risparmi a primavera per sulle operazioni di manutenzione e uso dei chimici.

Insomma, con un semplice accessorio ti prenderai davvero cura del tuo impianto, che durerà più a lungo e sarà pronto in poche mosse quando tornerà il caldo.

Se hai bisogno di una consulenza sulla copertura invernale più adatta alla tua piscina, chiedi agli esperti Cecconi: scrivici, siamo a tua completa disposizione.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *