Interrata o fuori terra: quale piscina scelgo?

Piscina interrata

Se hai la fortuna di avere un bel giardino attorno alla tua casa, potresti decidere di arricchire questo spazio con una piscina. A quel punto ti chiederai: scelgo una piscina interrata o fuori terra?

Vediamo quali solo le principali differenze.

Piscine fuori terra

Ideale se hai sempre sognato di avere una piscina, ma non vuoi una struttura fissa e affrontare grossi lavori di scavo ed edilizi, ad esempio perché non sei proprietario dell’abitazione o perché preferisci una struttura da poter rimuovere d’inverno o spostare facilmente in un altro posto.

Le piscine fuori terra sono in pratica delle vasche che vengono poggiate sul terreno e si dividono in due tipologie:

  • morbide – piscine gonfiabili
  • rigide – in PVC/acciaio/legno laminato

Le prime sono più veloci da montare e smontare e decisamente più economiche, ma più vulnerabili e inoltre richiedono una superficie d’appoggio liscia e perfettamente pianeggiante. Le seconde, composte da un robusto telo in PVC sostenuto da un telaio in acciaio, hanno maggiore resistenza e migliore stabilità e affidabilità. Le più richieste sono quelle in legno che si integrano piacevolmente con l’ambiente naturale del giardino, ma la scelta di materiali e colori è veramente ampia in grado di soddisfare ogni esigenza e gusto.

Piscine interrate

E’ la scelta giusta se cerchi il massimo risultato estetico e funzionale. Le piscine interrate diventano parte integrante del tuo giardino e della tua casa, un ambiente in più dove abitare ed ospitare amici per passare momenti di relax, svago e sport. Una piscina interrata può avere dimensioni e profondità maggiori di una fuori terra permettendo ampie nuotate ed anche l’installazione di un trampolino per i tuffi o di altri accessori come il nuoto controcorrente.

Possono essere realizzate in:

  • Cemento. E’ la tecnica più classica che permette la massima personalizzazione dell’impianto per quanto riguarda forme e dimensioni. Le piscine in cemento armato richiedono maggiore tempo in fase di realizzazione, ma sono comunque scelte per la robustezza della struttura, la resistenza agli agenti atmosferici e ai prodotti chimici e da chi ha particolari esigenze di design.
  • Pannelli di acciaio. Rappresentano un’alternativa validissima alle piscine in cemento. Le piscine in pannelli di acciaio permettono ampia scelta nelle forme, la loro installazione è più agevole rispetto quelle in cemento e garantiscono massima solidità e resistenza.
  • Vetroresina. E’ la soluzione più economica e veloce, richiede però un terreno altamente stabile, perché la struttura monoblocco in vetroresina non offre la massima robustezza. Hanno il pregio di mantenere la temperatura dell’acqua costante, ma il rivestimento dopo qualche anno tende a perdere brillantezza e non è raro che si spacchi.