Cosa fare in caso di acqua torbida in piscina?

IMGP2357

In una piscina non c’è niente di più importante di una corretta igiene per garantire una balneazione sicura. Ecco perché le attività di gestione ordinaria vanno svolte con costanza e cura in modo da evitare che l’impianto s’inquini e la vasca debba essere svuotata completamente.

A volte però, nonostante tutta la tua attenzione e meticolosità, capita che la struttura si sporchi e l’acqua diventi torbida. Le cause possono essere svariate, dai forti venti ai temporali estivi, oppure per via di qualche batterio particolarmente aggressivo. Se succede, prima di procedere con metodi drastici e costosi, prova a seguire questi semplici passaggi.

Acqua torbida in piscina: a cosa è dovuta?

Nella maggior parte dei casi, l’acqua poco trasparente nella struttura è causata da una scarsa disinfezione. Magari hai sbagliato il dosaggio dei chimici, o ti sei dimenticato di controllare i parametri. Se intervieni in tempo, però, un trattamento d’urto riuscirà quasi sicuramente a risolvere il problema.

Come procedere in caso di acqua torbida

La superclorazione è un metodo di disinfezione profonda dell’acqua che di solito si effettua a inizio stagione, ma che in casi come questo può rivelarsi un’efficace rimedio. Per un trattamento d’urto si utilizza quasi il doppio della normale dose di chimico e si procede così:

  • Pulisci i filtri e i pre filtri,
  • Per favorire l’ossidazione, assicurati che il livello del pH sia prossimo a 7 e altrimenti provvedi a regolarlo,
  • Versa il disinfettante dopo aver letto attentamente le indicazioni riportate sulla confezione,
  • Accendi l’impianto di filtrazione e lascialo in funzione per 24 ore,
  • Regola il livello del pH riportandolo nel range corretto, ovvero compreso tra 7,2 e 7,4,
  • Lascia in funzione per altre 24 ore l’impianto di filtrazione.

Infine, prima di fare il bagno, controlla il valore del cloro attivo libero che non deve mai superare 1,0 ppm.

Ricordati che per una corretta igiene le attività di gestione ordinaria sono fondamentali e se unite alla protezione di una buona copertura isotermica ti evitano fastidiosi lavori extra.